In alcuni ambiti, il desiderio di conoscenza, soprattutto se rapportato ad un alto senso civico, rischia di rimanere mortificato dalla difficile lettura dei fatti. Avere a propria disposizione strumenti concettuali che aiutino a comprendere la realtà che ci circorda e ci riguarda costituisce una risorsa a cui sicuramente dedicare un po’ del nostro tempo.

Con questo progetto, che ha come riferimento e punto di partenza lo sciagurato evento del terremoto che ha colpito vasti territori dell’emilia-romagna lo scorso anno, si intende aiutare i cittadini a leggere con maggior consapevolezza i meccanismi pubblici e giuridici che sono alla base della ricostruzione post-sisma, nell’ottica di una partecipazione consapevole alla gestione della res publica.

Partendo dalla considerazione dei poteri gestori della ricostruzione che fanno capo al commissario straordinario nominato dal Governo nazionale, con questo progetto si mettono a disposizione conoscenze giuridiche utili non solo per tale eccezionale contingenza, ma anche per seguire in generale, con maggiore chiarezza, il settore delle opere pubbliche, dalla definizione dei progetti urbanistici all’esecuzione dei lavori sui cantieri.

Parole come subappalto, informativa antimafia, sicurezza sul lavoro o sigle quali “durc”, “psc”, “pos”, saranno alla fine di questa esperienza sicuramente più familiari per chi avrà seguito gli incontri a contatto diretto che si terranno in loco, nei territori colpiti dal sisma.

In particolare si analizzeranno le opere pubbliche suddividendole in tre fasi: la progettazione, la scelta del contraente e l’esecuzione del contratto. Nella prima, si guarderà anche all’organizzazione commissariale e ai poteri dei Comuni nella ricostruzione. Nella seconda fase, si imparerà a leggere gli atti di gara. Nella terza, infine, si approfondiranno alcune tematiche specifiche come quelle dei subappalti e della sicurezza sui luoghi di lavoro.

Gli incontri saranno il più possibile dinamici e interattivi e richiederanno la partecipazione attiva dei cittadini. Il diritto è spesso definito la chiave con cui aprire ogni porta: fortunatamente, l’uomo grazie alla sua sensibilità può avvalersi anche di altri strumenti per rapportarsi alle esperienze quotidiane, ma certamente la conoscenza giuridica costituisce l’essenza per una più consapevole visione del mondo.

Vuoi partecipare? Iscriviti qui! 

Il referente del progetto è:
Boris Vitiello
Studio legale Boris Vitiello